Silvia Blasi

Portavoce Movimento 5 Stelle Lazio

L๐—ฎ ๐—ฅ๐—ฒ๐—ด๐—ถ๐—ผ๐—ป๐—ฒ ๐—Ÿ๐—ฎ๐˜‡๐—ถ๐—ผ ๐—ถ๐—ป๐˜๐—ฒ๐—ฟ๐˜ƒ๐—ถ๐—ฒ๐—ป๐—ฒ ๐—ฎ ๐—ณ๐—ฎ๐˜ƒ๐—ผ๐—ฟ๐—ฒ ๐—ฑ๐—ฒ๐—ด๐—น๐—ถ ๐—ฎ๐—ด๐—ฟ๐—ถ๐—ฐ๐—ผ๐—น๐˜๐—ผ๐—ฟ๐—ถ ๐—ฐ๐—ต๐—ฒ ๐˜€๐˜‚๐—ฏ๐—ถ๐˜€๐—ฐ๐—ผ๐—ป๐—ผ ๐—น๐—ฒ ๐˜€๐—ฒ๐—ฟ๐˜ƒ๐—ถ๐˜รน ๐˜ƒ๐—ฒ๐—ป๐—ฎ๐˜๐—ผ๐—ฟ๐—ถ๐—ฒ

I proprietari  dei terreni su cui viene svolta lโ€™attivitร  venatoria potranno finalmente ricevere un indennizzo da parte della Regione Lazio. Con un emendamento al cosiddetto collegato di bilancio, abbiamo impegnato la Regione a stabilire, entro il 30 settembre prossimo, la quota di contributo da erogare a favore dei proprietari e conduttori di fondi inclusi nel Piano faunistico โ€“ venatorio regionale.

Nonostante ci siano due leggi, una nazionale ed una regionale che stabiliscono che vada erogato un contributo economico  ai proprietari o conduttori, da determinarsi a cura della amministrazione regionale in relazione alla estensione, alle condizioni agronomiche, alle misure dirette alla tutela e alla valorizzazione dellโ€™ambiente, fino a questo momento nulla รจ stato fatto.

Con lโ€™emendamento, accolto favorevolmente dallโ€™Aula consiliare, che segue tra lโ€™altro unโ€™interrogazione da me presentata lo scorso gennaio, si stabilisce che i proprietari o conduttori di fondi, che non possono vietare lโ€™accesso ai cacciatori sui propri terreni, riceveranno ora un indennizzo, che secondo lโ€™indice Istat varierebbe da 50 a 100 euro ad ettaro, sia che si tratti di aree incolte che di terreni coltivati. Si vieta cosรฌ un trattamento iniquo tra chi รจ proprietario di terreni e chi รจ cacciatoreโ€.